Bright Festival Connect 2021_ Leipzig

BRIGHT FESTIVAL EVENTS

BRIGHT FESTIVAL CONNECT 2021

21-24 OCT 2021

Despite the difficulties of the period, Bright Festival Connect returned in Leipzig with its second edition gathering artists, institutions, enterprises and visitors worldwide through the new languages of digital creativity. 

4 days and 3 nights of exciting events, 30+ design studios and international enterprises, 40+ installations, performances and shows ran in the stunning spaces of the Kunstkraftwerk from 21 to 24 October 2021.  

Over 3000 visitors lived a magical journey through digital & interactive installations, immersive art shows, dj sets, light & sound experiences designed by worldwide creative studios and artists.

Find out the artists and watch the highlights


Verboten Berlin_ immersive hybrid show_ en

VERBOTEN BERLIN

IMMERSIVE HYBRID SHOW

BRIGHT FESTIVAL EVENTS

VERBOTEN BERLIN

Immersive hybrid show

JUNE 28TH 2021

For the first time, the German duo Verboten Berlin performed live surrounded by 360 immersive art shows! 

Fourteen of the best Italian digital artists met up to design this extraordinary immersive art experience; an exciting path through multimedia narratives and new technologies, offering a wide overview of the most innovative styles and techniques in digital production!

Respecting all safety regulations, a limited number of visitors were allowed to attend this unedited show, designed to celebrate the connection between cultures and countries through the new languages of contemporary art.

Discover more

 

CREDITS

Project: Bright Festival, Kunstkraftwerk Leipzig GmbH

Visual show design: https://lnkd.in/dcXv9r4

Video editing: Perception tech

Partners: Beatport, #FazeMagazin, TicketSwap



Bright Educational online_international edition

BRIGHT FESTIVAL EVENTS

BRIGHT EDUCATIONAL ONLINE

International edition

23 - 24- 25 APRILE 2021

BRIGHT EDUCATIONAL 2021- PROFESSIONS OF THE FUTURE

On April 23-24-25, the first international edition of Bright Educational online held on our digital platform!

Professors, experts and representatives from international universities and enterprises in the digital creative sector gathered to rule on the new trends and job opportunities born with digital transformation.

The program included over 52hours of lectures, workshops, talks, and masterclasses in Digital Art, Lighting Design, and Electronic Music. See more

PARTNERS 

Kunstkraftwerk Leipzig – Wacom – Derivative (Touch Designer) – Notch – Beatport – Ticketswap – Woa Creative Company – Disguise – Loopmaster – Samplesound – Jade Green Productions – Università degli Studi di Firenze – IED – New York Film Academy – Istituto Marangoni – Istituto Modartech – Fondazione Fashion Research Italy – Accademia Cappiello – Skyup Academy – Italian Design Institute



Rinascimento digitale

RINASCIMENTO DIGITALE

Creative partner

BRIGHT FESTIVAL EVENTS

RINASCIMENTO DIGITALE

15.12.2020 - 06.01.2021

The famous loggia designed by Brunelleschi in Florence, hosted the works of four digital video artists,designed  to convey to the city a message of Rebirth and hope through the new languages ​​of digital art.

 

The digital artists were selected from 72 candidates from all over Italy, who participated in a digital arts competition for talents under 35.

Inspired by the architectural context and the historical moment we are experiencing, the artists were invited to reinterpret the Digital Renaissance theme using the technique of video mapping, a fascinating form of contemporary art that allows the redesign of architectural surfaces through the use of digital technologies and video projections.

 

After months of darkness, the facade of the Istituto degli Innocenti has returned to shine through digital art, symbolizing the vitality and the hopeful future that we all hope for.

 

The show was broadcast live on Sunday 27 December at 9.00 pm on the social channels of Bright Festival, La Nazione, Corriere Fiorentino and The Florentine.

 

Institutional partner: Comune di Firenze, Mus.e

 

Creative partner: Concept D


Bright Festival Connect 2020

BRIGHT FESTIVAL EVENTS

BRIGHT FESTIVAL CONNECT 2020

23-24 - 25 OCTOBER 2020

The international community of digital artists and creative industry professionals, moved to Leipzig for three days of exciting events.

During the day: meetings, digital installations, VR and immersive experiences curated by experts and designers from all over Europe.

In the evening audio-visual shows and live set performed by international artists took place in the fascinating spaces of Kunstkraftwerk.
A new ambience dedicated to the digital creativity in which attendees could get in touch with new technologies and live immersive experiences.

The event took place in accordance with all the advices from the German health authorities. Read more


Digital Storytelling: 14 capolavori dall'Italia al mondo

Pochi mesa fa abbiamo avuto l’onore di collaborare con il Ministero degli Esteri nell’evento nazionale che ha riunito 14 dei migliori studi di arte digitale italiani, chiamati a ridisegnare il Palazzo della Farnesina attraverso l’arte del videomapping. 

Per una notte la facciata del Ministero si è trasformata in una tela da 10.000 mq e 15 milioni di pixel, che ha accolto narrazioni visive spettacolari concepite in omaggio al grande valore storico-culturale dell’edificio e dell’Istituzione che risiede al suo interno.  

Abbiamo chiesto agli studi coinvolti nel progetto di raccontarci le storie che li hanno ispirati e di mostrarci le tecniche utilizzate per l’ideazione, la progettazione e la realizzazione delle loro opere d’arte.

Un approfondimento affascinante che ci ha fatto riflettere sull’importanza dello storytelling, elemento caratterizzante delle opere visive talvolta poco valorizzato da parte degli artisti o degli spettatori.
E’ necessario sottolineare che la realizzazione di uno spettacolo di videomapping non consiste soltanto nella scelta di animazioni ed effetti grafici da proiettare su una superficie ma richiede uno studio approfondito dell’architettura, della sequenza narrativa e del messaggio che si vuole trasmettere, oltre ad una grande competenza nella creazione tecnica dei contenuti.

Se è vero che anche l’occhio vuole la sua parte, non si può negare che conoscere il significato di un’opera ne accresce notevolmente il valore, ci permette di imparare qualcosa di nuovo e di fissarne il ricordo nella nostra mente per molto più tempo.  

Con professionalità ed eleganza, gli studi coinvolti hanno unito il fascino del racconto alla ricchezza e alla varietà dei significati attraverso codici, allegorie e virtuosismi artistici: una prova emblematica di Digital Storytelling che ci ha reso ancora più consapevoli dello straordinario potere comunicativo del video mapping e del fascino evocativo delle nuove forme di espressione digitale.

Abbiamo chiesto agli studi coinvolti nel progetto di raccontarci le storie che li hanno ispirati e di mostrarci le tecniche utilizzate per l'ideazione, la progettazione e la realizzazione delle loro opere d’arte.

GUARDA I VIDEO RACCONTI

Bright Educational online

BRIGHT FESTIVAL EVENTS

BRIGHT EDUCATIONAL ONLINE

19 - 20 - 21 DECEMBER 2020

The first edition of Bright Educatonal Online was held on 19-20-21 December 2020: three days of #live and #ondemand events focused on digital creativity and professions of the future, carried out in collaboration with training institutes, corporate companies and design studios.

 

Over 32 speakers and international guests delivered to the audience, connected from all over the country, creative ideas and suggestions for their professional and artistic-digital path.

 

Find out more information on the  Bright Educational’s new digital platform: Visit the site

 

PARTNERS 

𝐄𝐩𝐬𝐨𝐧 – 𝐖𝐚𝐜𝐨𝐦 – 𝐀𝐛𝐥𝐞𝐭𝐨𝐧 – 𝐀𝐝𝐨𝐛𝐞 – 𝐑𝐞𝐤𝐨𝐫𝐝𝐚𝐭a – 𝐂𝐨𝐧𝐧𝐞𝐬𝐬𝐢𝐨𝐧𝐢 – 𝐅𝐨𝐭𝐨𝐧𝐢𝐜𝐚 – 𝐒𝐚𝐦𝐩𝐥𝐞𝐬𝐨𝐮𝐧𝐝 – 𝐓𝐢𝐜𝐤𝐞𝐭𝐬𝐰𝐚𝐩 – 𝐅𝐥𝐱𝐞𝐫 – 𝐈𝐩𝐨𝐥𝐨𝐠𝐢𝐜𝐚 – 𝐖𝐨𝐚 𝐂𝐫𝐞𝐚𝐭𝐢𝐯𝐞 𝐂𝐨𝐦𝐩𝐚𝐧𝐲 – 𝐔𝐧𝐢𝐯𝐞𝐫𝐬𝐢𝐭à 𝐝𝐞𝐠𝐥𝐢 𝐬𝐭𝐮𝐝𝐢 𝐝𝐢 𝐅𝐢𝐫𝐞𝐧𝐳𝐞 – 𝐈𝐄𝐃 – 𝐍𝐞𝐰 𝐘𝐨𝐫𝐤 𝐅𝐢𝐥𝐦 𝐀𝐜𝐚𝐝𝐞𝐦𝐲 – 𝐈𝐬𝐭𝐢𝐭𝐮𝐭𝐨 𝐌𝐚𝐫𝐚𝐧𝐠𝐨𝐧𝐢 – 𝐌𝐨𝐝𝐚𝐫𝐭𝐞𝐜𝐡 – 𝐅𝐚𝐬𝐡𝐢𝐨𝐧 𝐑𝐞𝐬𝐞𝐚𝐫𝐜𝐡 𝐈𝐭𝐚𝐥𝐲 – 𝐀𝐜𝐜𝐚𝐝𝐞𝐦𝐢𝐚 𝐂𝐚𝐩𝐩𝐢𝐞𝐥𝐥𝐨



Annunciate data e location del Red Bull LightArts

Una chiesa sconsacrata nel cuore di Firenze sarà la cornice di Red Bull LightArts, primo evento realizzato da Bright Festival in collaborazione con Red Bull: uno spettacolo unico a base di musica e proiezioni, ma anche un progetto che mette le ali ai giovani talenti che si muovono nel mondo delle arti digitali.

Venerdì 17 Aprile 2020 i tre vincitori della call rivolta ai visual artists di tutta Italia, si esibiranno in uno spettacolo immersivo realizzato con 28 proiettori in simultanea, al fianco di un grande artista della scena elettronica internazionale.

Un evento senza precedenti che permetterà al pubblico di vivere un’esperienza audio-visiva a 360°, tra gli scenari virtuali e le percezioni sinestetiche di una Firenze rinascimentale reinterpretata in chiave digital.

Maggiori informazioni saranno annunciate prestissimo sui nostri canali Facebook e Instagram.

Candidati alla Call for Artists su art.brightfestival.com
Le candidature alla call for artists saranno aperte fino a Mercoledì 11 Marzo alle ore 23.59.

Venue: S.Stefano al Ponte, Firenze

S.Stefano al Ponte è meglio conosciuta come la dimora di mostre immersive di grande successo internazionale, quali Van Gogh Alive, Klimt Experience, Inside Magritte e molte altre.
La chiesa sconsacrata aprirà le porte per accogliere l’artista internazionale che si esibirà circondato da video mapping a 360° realizzati da tre video artisti selezionati tramite una call nazionale.

Main Partner: Red Bull
Tech Partner: Concept D by Acer

Photo: Klimt Experience - Chiesa di Santo Stefano al Ponte, by Neomag

Curiosità e fatti sulla Realtà Virtuale

La realtà virtuale è arrivata nelle nostre case da qualche anno ma esiste nel nostro immaginario da molto prima, forse da sempre, come se ci fosse stato solo bisogno di attendere che la tecnologia potesse essere un po’ più vicina alle nostre idee.

La VR è quella cosa che simula la realtà e attenzione, per realtà si intende quella possibile o impossibile, non necessariamente quella reale. Direte voi, non c’erano già i videogiochi? Sì ok, la differenza sostanziale però sta nel fatto che in questo caso, grazie all’uso di una serie di oggetti, ti puoi immergere in un nuovo spazio.

La realtà virtuale ti porta proprio da un’altra parte e ti fa vedere le cose da dentro, come se fossi lì.

Breve parentesi per chi non lo sapesse: per sperimentare la VR ti devi mettere comodo, indossare un visore, essere provvisto di eventuali altri oggetti come cuffie o guanti particolari; far partire un video e lasciarti andare alla sensazione di essere trasportato da un’altra parte. Quello della realtà virtuale è un mercato che fa guadagnare miliardi e sta crescendo. Ecco un breve elenco di possibili usi e settori: cinema, pornografia, videogiochi, architettura, shopping, mostre d’arte, medicina.

Ok, a questo punto della conversazione dovreste aver attirato l’attenzione dell’interlocutore. Ordinate da bere e passate alla fase due: raccontare retroscena interessanti. Valutate voi in che ordine e selezionate quelli che vi interessano di più.

In realtà già nel ‘57 esisteva uno strumento che permetteva di sperimentare un’altra realtà coinvolgendo i sensi. Si chiamava Sensorama ed era definito dal signore che l’ha inventato (Morton Heiling) Experience Theatre. Il fruitore poteva immergersi in una nuova realtà nella quale venivano coinvolti diversi sensi: olfatto, tatto, vista, udito. Questo dispositivo funziona ancora oggi ma il costo eccessivo per lo sviluppo non permise di andare avanti con l’idea.

Poi nel ‘68 Ivan Sutherland e un suo studente inventarono il primo sistema di realtà virtuale con il visore. L’hardware era così pesante che serviva un marchingegno che lo sostenesse. Si chiamava Spada di Damocle.

Negli anni ‘70 all’ MIT nasce il primo software che simula la realtà e il termine Virtual Reality viene coniato nel 1989 da Jaron Lanier che studiava linguaggi di programmazione. Le parole nascono per esprimere e comunicare concetti o sensazioni, prima non ce ne era stato bisogno e poi un giorno, tadan, eccoti petaloso. Nel caso della VR il nome è stato decisamente fortunato.

 

 Per non parlare della letteratura, nei romanzi esistono un sacco di esempi in cui è coinvolta la VR. Certo direte, scontato. Bene ma la cosa interessante è che qualcuno un giorno ci ha pensato e ne ha scritto. Sappiamo sempre le cose quando ce le raccontano ma inventarsele o immaginarsele di punto in bianco è un’altra storia.

Un esempio è The Dueling Machine di Ben Bova del 1969. Uno dei primi romanzi cyberpunk della storia. Nell’universo esiste una macchina che genera un mondo virtuale nel quale due avversari possono sfidarsi senza che ci siano ripercussioni nel mondo reale. L’idea è che la macchina possa essere usata per risolvere qualsiasi tipo di conflitto. Si tratta di un sistema che accetta la nostra naturale pulsione allo scontro, a farci la guerra, con la sostanziale differenza di non lasciare vittime lungo il percorso. Non male come utopia.

E poi un film cult, Tron, fantascienza, prodotto dalla Disney, del 1982. Uno dei primi Disney che fa grande uso della computer grafica (dice Wikipedia). Realtà parallela, videogiochi, duelli, male contro il bene, c’è un po’ di tutto qui dentro. La colonna sonora è composta dallo stesso autore che ha curato quelle di Arancia Meccanica e Shining. E con questa ultima perla dovreste aver fatto breccia nel cuore di chi vi ascolta.

Ora la ciliegina sulla torta. Platone. Sì, lui. Ripescate dai vaghi ricordi delle lezioni di filosofia il Mito della caverna. Qui il filosofo si interroga sulla realtà, su cosa sia la verità e cosa l’opinione e la rappresentazione della realtà. Facendo un passo in più potremmo dire che quando facciamo esperienza del mondo, questa è sempre mediata dalla nostra mente, quindi la “vera realtà” è inaccessibile e possiamo solo percepire la copia, la rappresentazione, una realtà immersiva.

Ora potete tornare al contemporaneo e c’è Snow Crash, Matrix e in qualche modo anche The Truman Show.

E via avanti all’infinito.


Creative Coding & Computational Arts : Poetica del Codice

Creative Coding & Computational Arts : Poetica del Codice

Un viaggio attraverso la storia dell’arte computazionale e le sue evoluzioni fino ad arrivare alle nuove forme di espressione artistiche digitali come il Creative Coding: forma poetica strutturata alla base da un linguaggio di programmazione che permette a Multimedia Artist di esprimersi e realizzare esperienze generative realizzate partendo dal codice.

Un racconto dei progetti realizzati dallo Studio RF analizzati da un punto di vista tecnologico e creativo svelando gli approcci e le fasi che avvengono dietro le quinte.

Infine un’anteprima del workshop di computer vision per multimedia artist e creative coder e  il reverse engineering della data driven experience Kepler-406b presentata a Bright Festival.