Apparati effimeri: la scenografia da “festa” nella storia

Lo spirito creativo che guida la ricerca di Apparati Effimeri è mosso dall’idea di attualizzare gli apparati delle feste ereditati dalla tradizione, sperimentando la possibilità di creare nuovi legami in grado di connettere trasversalmente la storia passata della visione con le tecniche e gli approcci contemporanei dell’arte visiva.

Nelle cerimonie dell’età moderna, soprattutto durante il periodo Barocco, gli apparati effimeri venivano costruiti su misura per l’evento da celebrare e seducevano attraverso “simboli visuali”.
Architetture in legno e in cartapesta e addobbi provvisori si applicavano a palazzi e chiese; decorazioni effimere trasformavano gli interni di sontuose dimore e poi suoni, macchine di gioia, effetti di luce creavano un gioco di inganni e disinganni ottici.

Gli artisti elaboravano ogni volta linguaggi nuovi, mescolando tecniche diverse al fine di infrangere i vincoli delle regole formali dell’arte.
Con l’illusione e la contaminazione andava delineandosi una nuova meccanica dell’immaginazione che portò al cambiamento dell’antico rapporto tra spazio dello spettatore e spazio dell’opera, ottenendo in questo modo il coinvolgimento emotivo, caratteristica fondante dell’arte Seicentesca: la città si fa teatro e il fruitore diventa attore della scena.

La festa, per il suo carattere provvisorio, era il momento privilegiato.

Le opere effimere creavano sorprendenti percorsi visivi, esaltando il corredo urbano e cambiando solo per qualche giorno la pelle degli edifici.
Ogni avvenimento veniva celebrato in maniera fastosa, spinto dalla necessità di affermare un’idea o un potere, passando dallo stupore al coinvolgimento e quindi alla persuasione.

Gli apparati effimeri erano un grande spettacolo visivo, una sorta di installazione ante litteram che metteva insieme diverse forme espressive.
La superficie urbana era il supporto adatto per libere interpretazioni di straordinari artisti, la “meraviglia” si concretizzava nelle strade.

Il repertorio dell’effimero si esprimeva sulle architetture stabili, «così si popolavano per qualche giorno le strade della città con pannelli ‘parlanti’ distribuiti su architetture solenni e provvisorie» (Chastel, 1960).

Portando al limite estremo la virtualità dei mezzi usati e la potenzialità dei materiali provvisori si ponevano le basi per l’unione delle arti.

Bibliografia

  • A. Chastel, Les entrées de Charles Quint en Italie in Les fêtes de la Renaissance / réunies et présentées par Jean Jacquot, Parigi 1960, p. 197-206.
  • Fagiolo dell’Arco, L’Effimero Barocco, Strutture della festa nella Roma del ‘600, Roma 1977.
  • A. Pinelli, La bella maniera. Artisti del Cinquecento tra regola e licenza, Torino 1993.
  • M. Fagiolo, Athanor barocco: l’effimero come labor-oratorium e il segno della Scogliera in Studi sul Barocco romano: scritti in onore di Maurizio Fagiolo dell’Arco a cura di M. G. Bernardini, Milano 2004, pp. 181 -195.
  • P. Portoghesi, Roma Barocca, Roma 2011.

Sitografia


Apparati Effimeri

Apparati Effimeri

Apparati Effimeri lavora nel campo del Visual Design, sperimentando la possibilità di creare nuovi legami tra la storia passata della visione e le tecniche e gli approcci contemporanei dell’arte visiva. Il progetto nasce a Bologna nel 2008 con l'intento di attualizzare l’idea degli apparati delle feste. In passato, gli apparati effimeri venivano costruiti su misura per l'evento da celebrare e seducevano attraverso “simboli visuali”. Movimenti, suoni, luci e immagini realizzate appositamente da grandi artisti modificavano per qualche giorno le strade cittadine. Nel solco di questa tradizione, Apparati Effimeri interviene in modo non invasivo, dando nuova vita alle forme preesistenti. Le architetture diventano sia schermi attivi per le proiezioni video che i soggetti delle stesse, essendo frutto di un profondo studio interpretativo preliminare. Ogni animazione e proiezione architetturale è "site specific", cioè ideata e realizzata appositamente per il luogo scelto, quindi ogni spettacolo è unico. Ricorrendo ad una sapiente combinazione di luci e musiche, concepite per sposarsi con i tratti culturali ed architettonici caratteristici del luogo, gli Apparati Effimeri creano spettacolari scenografie in movimento che puntano al coinvolgimento, sul piano simbolico ed estetico, dei partecipanti all'evento.


Tutte le anteprime,
news, & sconti!

Solo iscrivendoti alla nostra Newsletter potrai ricevere
le news in anteprima sugli ospiti ed eventi del Festival,
avere sconti sui biglietti, accessi VIP e sorprese esclusive!

Privacy Policy

Presto il mio consenso all'utilizzo dei dati, da me forniti, allo scopo di di rimanere informato sull'evento tramite Newsletter, ai sensi del DL 196/2003 in materia di Privacy e della direttiva UE 2016/679 (GDPR). Sono consapevole che posso disiscrivermi in qualsiasi momento, cliccando sul link in calce a qualsiasi delle email che riceverò oppure contattando techbrightfestival.com.

Sono inoltre a conoscenza del fatto che Bright Festival utilizza Mailchimp per gestire le sue Newsletter e confermo di aver letto ed accettato anche la sua politica sull'utilizzo dei miei dati.

Puoi consultare la nostra Privacy Policy completa qui.